L'INCONTRO-DIBATTITO per la PRESENTAZIONE del LIBRO di Francesco NUCARA "IL FUTURO di REGGIO"

Il riassunto degli interventi del dibattito, con note critiche,  a cura dell'amico repubblicano Salvatore Moschella

Riusciranno i repubblicani della Consociazione provinciale di Reggio Calabria a far  comprendere ai propri concittadini con il libro dell’On. Francesco Nucara  “ IL FUTURO DI REGGIO – REGGIO CITTA’ METROPOLITANA. 5 ANNI DI BATTAGLIE – EDITORE SURACI

                Il concetto di città metropolitana e soprattutto come sarà e quali saranno i futuri vantaggi per la città di Reggio e per tutta la sua provincia ? Speriamo proprio di si.

                Come noto ieri, venerdì 10 Luglio 2014 è avvenuta, nella sala “Giuditta Levato “ del Palazzo della Regione Calabria la presentazione  alla Comunità del citato libro. Recensori di elevato spessore:

L’ing. Elio Pangallo, noto politico cittadino della sinistra, detentore  nel passato di importanti incarichi istituzionali; il dr. Alessandro Nicolò, Vice Presidente del Consiglio regionale; il Sen del N.C.D. Nico D’Ascola, nonché illustre avvocato e professore universitario;  il dr. Bova, Dirigente del Rotary Club di Reggio, autore di alcuni scritti sulla città metropolitana, nonché organizzatore di convegni sulla tematica; il dott. Edoardo Lamberti Castronuovo,  Assessore alla Cultura e Legalità della provincia di Reggio Calabria, nonché editore della T.V. locale “ Reggio T.V. “.

Prende la parola l’ing. Pangallo che preliminarmente sostiene di non essere d’accordo con quanto scritto da Nucara nel suo libro, oggetto di presentazione, in merito all’avvenuta costituita città metropolitana. Sostiene Pangallo la città di Reggio non è pronta a svolgere il ruolo  di città metropolitana. E’ una cosa calata dall’alto, per di più la sua provincia sia quella Tirrenica che quella Jonica non gravita da tempo sulla città di Reggio, bensì su Catanzaro.

La domanda che da cittadino reggino mi pongo, E’ proprio vero tutto questo? Penso proprio di no.

Forse l’ing. Pangallo vuole giustificare il comportamento dell’On. Marco Minniti , esponente del suo partito, che in merito all’istituzione della città metropolitana di Reggio è stato in sede parlamentare poco favorevole? Il dubbio sorge spontaneo

Può essere  pur vero che una città come Reggio non abbia ancora preso coscienza di quanto positivamente gli è accaduto. Il libro di Nucara ha proprio questa finalità, svegliare la città e con essa i suoi uomini politici e le istituzioni della società civile a prendere coscienza di questa nuova realtà e non farsela sfuggire e che potrà cambiare il volto di tutta la città e provincia. La Chiave di volta come suole dirsi. Come la chiave di volta che poteva rappresentare la costruzione del ponte di Messina.

Giustamente, come ricorda il senatore D’Ascola,  il ponte avrebbe disturbato l’emigrazione del Falco Pellegrino, il passaggio delle cernie lungo lo stretto, avrebbe cambiato il colore delle viole o dei ciclamini sulle pendici delle nostre colline, come declamavano, con false teorie, tanti sedicenti esperti locali e nazionali e tante sedicenti organizzazioni ambientalistiche , che si preoccupano di propagandare grande tematiche, già da tempo in discussioni in Consessi internazionali, piuttosto che interessarsi di problemi ambientali locali riguardanti l’inquinamento acustico e quello derivante dalla immense discariche a cielo aperto dei rifiuti solidi urbani non trattati, o di quelle sotterrate che nascondono rifiuti nocivi e pericolosi per la salute.

Il secondo intervento di Nicolò, nettamente opposto a quello di Pangallo, elogia il lavoro di Nucara e nella sua qualità di uomo politico auspica una collaborazione tra tutte le forze politiche calabresi affinche’ il progetto della città metropolitana venga portato avanti con impegno e tempestività al fine di una sua concreta realizzazione.  

   Prende, subito dopo, la parola il Sen. D’Ascola. 

In questa occasione non voglio lodare la sua oratoria di avvocato o di professore universitario, del resto a noi nota in quanto il Professore è stato più volte ospite nei nostri Convegni e dibattiti, quanto la passione che ci ha messo nel suo intervento. Non era l’oratoria fredda dell’avvocato o del professore, bensì l’oratoria del politico , del vero politico, dell’uomo della società civile che mette temporaneamente  da parte la sua professione per dedicarsi alla politica, alla vera politica sul cui concetto ci ha impartito una vera lezione magistrale, di quelle che raramente oggi si ascoltano nelle aule universitarie e tutto ciò perché molti professori ordinari lasciano il compito di insegnare spesso ai loro assistenti, anche lodevoli, per dedicarsi ad altro. Ecco perché caro professore i nostri studenti , con poche eccezioni, si trovano spesso collocati in posti bassi delle graduatorie che annualmente vengono stilati da Enti preposti a tale scopo.

                Il Dr. Bova del Rotary Club ha recensito positivamente quanto scritto da Nucara, considerando il libro uno strumento importante, ovvero una accurata guida per quanti volessero approfondire l’argomento città metropolitana. Il dr. Bova, come l’on. Nicolò, auspica una fattiva collaborazione fra le forze politiche.

                L’ultimo intervento è stato del Dott. Lamberti Castronuovo il quale nella sua qualità di Assessore alla Cultura difende la provincia dalle critiche che l’on. Nucara aveva mosso al Presidente Raffa nel momento in cui auspicava lunga vita alla provincia nel mentre la città metropolitana di Reggio era divenuta una realtà, quanto meno dal punto di vista giuridico essendo stata istituita dal Parlamento Italiano e l’Ente  Provincia era destinato a sciogliersi.

                Lamberti nello elogiare il lavoro di Nucara, rispondeva anche all’ing. Pangallo affermando che la città di Reggio, come pure la sua provincia, avevano da tempo preso coscienza della nuova realtà. Lo dimostra l’attivismo dell’Assessorato della Cultura e Legalità che in questi ultimi anni ha favorito lo sviluppo delle Bande musicali, alcune delle quali sono note in tutta Italia, dimostrando vivacità ed interesse a tutto ciò che è cultura che crea se ben indirizzata progresso e sviluppo civile e sociale. Fra tutte prova ne è il Concerto bandistico tenutesi a Reggio, molto apprezzato, diretto dall’illustre maestro Riccardo Muti.

                La replica di Nucara: tutto ciò è stato merito dell’ Assessore Lamberti Castronuovo, non della Provincia.

La conferenza si è conclusa con alcuni chiarimenti dell’On. Nucara su interrogativi emersi nel dibattito e con il ringraziamento alle personalità politiche e non intervenute nella recensione del libro e di tutto l’uditorio numeroso che attentamente ha ascoltato quanto veniva loro esposto dagli illustri relatori.

Reggio Calabria 11 Luglio 2014

 

 

 

Partito Repubblicano Italiano - Consociazione di Reggio Calabria - Sezione "Raffaello Sardiello" Via Roma n.7 - 89123 - Reggio Calabria
Note Legali | Privacy | Termini d'uso | Webmaster