Tra diciotto mesi la ndrangheta a Reggio Calabria non ci sarà più evidentemente.

Camera dei Deputati – 12 ottobre 2012 – Intervento dell’Onorevole Francesco Nucara

Il provvedimento di scioglimento del Consiglio Comunale di Reggio Calabria è un insulto ad intera comunità dove la stragrande maggioranza dei cittadini e dei consiglieri comunali nulla ha a che vedere con la ndrangheta. C’è una forza politica invece che per bocca dell’On. Bersani ed anche di altri è giuliva per questo provvedimento che ripristina la legalità. Tra diciotto mesi la ndrangheta a Reggio Calabria non ci sarà più evidentemente. Basteranno diciotto mesi.Non capiamo: perché non si scioglie la Questura dove sono stati arrestati due poliziotti per mafiosità; perché non si scioglie il Tribunale di Reggio Calabria dove sono stati arrestati due giudici per collusione con la ndrangheta. Non si capisce perché si decide di sciogliere il Consiglio Comunale dove un solo consigliere a Reggio Calabria è accertato che sia colluso. Siamo nel ridicolo

La cosa più grave è questa che non è stata commissariata una Città capoluogo ma una Città metropolitana che si stava avviando a compiere gli adempimenti necessari secondo normativa. Al Ministro Cancellieri chiediamo perché questa discriminazione quando altre Amministrazioni, cominciando dalla Lombardia hanno Assessori arrestati per collusione mafiosa, ma di quegli Enti non si parla e non vi è alcun scioglimento. Io mi auguro che il Consiglio Comunale, chi ne ha titolo e, se ne avrò titolo io, lo farò io, un ricorso al T.A.R. per annullare questo provvedimento infame fatto dal Ministro Cancellieri a cui certamente non andrà la mia fiducia e mi auguro non andrà la fiducia di tutti i Calabresi.

Partito Repubblicano Italiano - Consociazione di Reggio Calabria - Sezione "Raffaello Sardiello" Via Roma n.7 - 89123 - Reggio Calabria
Note Legali | Privacy | Termini d'uso | Webmaster