Intervento del segretario nazionale On. F. Nucara

La Consociazione Provinciale del PRI da sempre ha tenuto a proporre programmi per il miglioramento economico, civile e sociale di Reggio Calabria e della sua Provincia. I programmi del Partito Repubblicano Italiano non sono mai stati proposti per essere accettati dalle forze politiche e dai rappresentanti istituzionali, bensì sono sempre stati posti all’attenzione come elementi di discussione, affinché si possano maturare idee da trasformare in progetti da realizzare. Un lavoro per far conoscere ai cittadini e ai propri rappresentanti le proposte repubblicane, che possono essere condivise oppure rigettate o essere sostituite da controproposte.
Quello che i repubblicani non intendono accettare è l’indifferenza di una classe politica, ma anche delle classi sociali e della società
in generale. È compito di una politica attenta svegliare le coscienze, non sulle ideologie, che per fortuna non esistono più, ma sui problemi reali che, oltre ad affliggere il vivere quotidiano dei cittadini, affliggono anche il futuro delle generazioni che seguiranno la nostra. Il nodo centrale dei problemi che affrontiamo in questo pamphlet riguarda Reggio città metropolitana. È il problema dei problemi, attorno al quale ruota tutto il resto.
Se non si affronta e si scioglie questo nodo tutto sembra diventare inutile, perché potrebbe essere incongruente con un nuovo disegno di assetto territoriale. È un nodo che si deve sciogliere comunque. La strenua difesa dell’istituzione Provincia, che per legge, quando l’iter per realizzare la città metropolitana sarà concluso, dovrà scomparire, dà l’esatta significazione delle nostre preoccupazioni sulla realizzazione di questo nuovo disegno urbanistico, che riguarda Reggio e la sua provincia.
Ci siamo battuti con forza, determinazione e coraggio perché Reggio rientrasse tra le dieci città metropolitane indicate dal Governo:
non vorremmo che tutto fosse stato inutile. Se tutto sarà stato inutile, e speriamo di no, è necessario che i cittadini sappiano con chiarezza di chi è la colpa. Alle riunioni nazionali su questo problema il Presidente della Provincia non deleghi Assessori che non hanno la forza politica per poter prendere o suggerire decisioni: se il rappresentante serve solo per ascoltare, si faccia inviare i verbali.
Le altre proposte repubblicane si articolano sulla base di questo disegno strategico.
L’opuscolo che presentiamo serve in ultima analisi a mantenere uno stretto raccordo con i cittadini, per spiegare loro cosa intendono fare.
i repubblicani per il futuro di questa Provincia, per raccogliere eventuali suggerimenti e quindi per mantenere uno stretto raccordo, che serva a migliorare le nostre proposte se c’è da migliorarle. Per il bene di tutti, e non di una o più parti. Le sommatorie non danno soluzioni generali. I repubblicani sono impegnati a ricercarle e, una volta trovate, a praticarle.
Le nostre battaglie politiche non hanno mai fine. Già nel 1991, nel presentare i risultati della Conferenza Programmatica Regionale con
il volume “Progettare lo sviluppo”, potevamo affermare: “Perché nascondere che le invivibili condizioni di vita della nostra regione suggeriscono facilmente un’immagine di barbarie … Di fronte a ‘ciò che appare’ in questa città, nel senso più squisitamente fenomenico del termine, dovremmo sentirci tutti degli analfabeti. Mancano infatti, per aggredire il problema, i concetti, la predisposizione intellettuale e persino il linguaggio”.
E così concludevamo: “La crescita civile è segno distintivo principale di una cultura moderna: diamo finalmente ai giovani i primi alimenti-
elementi per crescere e poter quindi diventare, da adulti, una sana, partecipe e attiva popolazione …”
Da oggi intendiamo passare il testimone ai giovani, perché possano continuare una battaglia da noi intrapresa quasi mezzo secolo fa.
Mai domi.
On. Francesco Nucara

Clicca qui per scaricare l'opuscolo.

Partito Repubblicano Italiano - Consociazione di Reggio Calabria - Sezione "Raffaello Sardiello" Via Roma n.7 - 89123 - Reggio Calabria
Note Legali | Privacy | Termini d'uso | Webmaster